Blog Grillo: “Pd ha più punti in comune col Pdl che con M5S”

Blog Grillo: “Pd ha più punti
in comune col Pdl che con M5S”

Sul sito del leader elencati i dieci punti programmatici che il partito di Bersani e di Berlusconi avrebbero in comune. Dario Fo: “No al mercato delle vacche Pd”

Lo leggo dopo

ROMA – “Pdl e pdmenoelle hanno più punti programmatici in comune tra loro” di quanti non ne abbia il Partito democratico con il MoVimento 5 Stelle. Lo si legge in un intervento sul blog di Beppe Grillo firmato da un militante, Ernesto. Dalla Tav, agli F35, all’articolo 18, se ne contano in tutto dieci: “Ne hanno più loro” in comune di quelli “che afferma Bersani con il M5S (lui dice 8). Non per niente hanno governato per un anno e più insieme”. 

Nel post che compare sul blog di Grillo vengono elencati dieci punti programmatici che Pd e Pdl avrebbero in comune: “1) entrambi vogliono la Tav, 2) entrambi sono per il Mes, 3) entrambi per il Fiscal Compact, 4) entrambi per il pareggio di bilancio, 5) entrambi per le ‘missioni di pace’, 6) entrambi per l’acquisto degli F-35, 7) entrambi per lo smantellamento dell’art.18, 8) entrambi per la perdita della sovranità monetaria, 9) entrambi per il finanziamento della scuola privata, 10) entrambi per i rimborsi elettorali”.

A sostenere la linea dura di Grillo nei confronti del Pd è anche Dario Fo: “Fa bene a denunciare immediatamente come ha fatto in questi giorni, le manovre giustamente definite ‘il mercato delle vacche’ , orchestrate da parte di alcuni esponenti del PD”.

Torna invece a chiedere a Grillo una mediazione con il Pd a Don Andrea Gallo, parroco della comunità di San Benedetto al porto di Genova, che propone un referendum on line per decidere l’alleanza. “Il paese è a pezzi, c’è bisogno che Beppe coi suoi elettori vada al tavolo per avere dei cambiamenti e metterli alla prova – ha detto Don Gallo – . Questa è l’occasione per sputtanarli definitivamente. E’ fondamentale incontrarsi col Pd vista la situazione catastrofica del paese, auspico almeno per un anno un’intesa tra il centro sinistra e i cinque stelle. Beppe faccia un referendum on-line rivolgendosi ai suoi milioni di elettori, per sapere quanti di loro sarebbero disposti a un accordo”.
 

(06 marzo 2013)© RIP